Come scegliere un obiettivo: La lunghezza focale

Se hai una macchina fotografica di tipo tradizionale, una reflex, ad esempio oppure una moderna fotocamera digitale che ti permette l’intercambiabilità degli obiettivi, devi sapere alcune cose, le caratteristiche oggettive degli obiettivi, una cosa importante per scegliere un obiettivo con il massimo delle prestazioni che desideri ottenere.

Quale obiettivo scegliere

Tra gli appassionati di fotografia ciascuno ha le proprie preferenze e le proprie opinioni, tutte rispettabili, molti cercano in rete informazioni su marche, costi recensioni, estetica eccetera ma in realtà non tutti sono a conoscenza di caratteristiche che rendono un obiettivo adatto oppure no alle esigenze specifiche.

Oggi parliamo di una di queste caratteristiche e vedremo che da questa caratteristica dipende molto la fotografia che potrai ottenere: la Lunghezza Focale. Galileo è stato il primo esperto di lunghezza focale quando ha costruito il primo cannocchiale con il quale osservava la Luna e gli Astri nel cielo. In funzione della curvatura delle lenti l’immagine viene proiettata in modo nitido ad una certa distanza per essere visualizzata correttamente, senza sfumature e sfocature. Con maggiore tempo si è capito che in funzione della lunghezza focale si potevano anche ottenere effetti diversi per le leggi fisiche dell’ottica.

La lunghezza focale negli obiettivi fotografici

La lunghezza focale è una delle caratteristiche degli obiettivi, espressa in millimetri ed è la distanza tra il centro della lente dell’obiettivo e il sensore che ha la funzione di catturare l’immagine. Grazie a questa misura puoi sapere perfettamente se quell’obiettivo è il più adatto per la foto che vuoi realizzare. In funzione della lunghezza focale si possono considerare gli obiettivi come Normali, Teleobiettivi o Grandangolo, rispettivamente di circa 50 mm, maggiore di 50 mm o inferiore. La caratteristica della foto che otterrai, oltre alla Lunghezza focale, dipende anche dal diaframma che imposti dalla tua fotocamera; si tratta, in sostanza, del foro attraverso cui passa la luce e può essere regolato in modo da rendere più grande o più piccolo il foro stesso che si apre per il tempo impostato.

Foto da : Fotografiamoderna.it

Perché ne parliamo in relazione alla Lunghezza Focale?

Semplicemente perché in funzione dell’apertura del diaframma si determina anche la lunghezza di campo. Se usi un teleobiettivo significa che vuoi fare una fotografia ad un soggetto lontano ingrandendo l’immagine: in questo caso dovrai usare un diaframma stretto aumentando i tempi di esposizione perché se il foro è stretto entrerà meno luce. Al contrario se vuoi fare una foto ad un soggetto molto vicino userai un diaframma molto aperto e in questo caso la messa a fuoco dovrà essere molto accurata. Vedi, quindi che a seconda del tipo di obiettivo che usi, anche il diaframma deve essere regolato di conseguenza. Userai, quindi, un teleobiettivo per fotografare un soggetto lontano che diversamente si perderebbe nella fotografia. Per fotografie a soggetti non molto lontani, è opportuno un obiettivo da 50 mm ma se vuoi catturare un paesaggio ampio, con un obiettivo normale ne faresti entrare nella foto solo un pezzo, perdendo il senso e la bellezza di ciò che vedi, ti serve in questo caso un obiettivo con lunghezza focale inferiore a 50 mm, un grandangolo, così chiamato proprio perché ti consente di scattare una foto con un notevole angolo di visuale. Tieni conto che quanto maggiore è l’angolo di ripresa, tanto più i margini laterali della foto tenderanno a rendere un’immagine incurvata.

Puoi trovare obiettivi di ogni marca e genere anche online: approfitta di offerte speciali che ti permettono di acquistare obiettivi di buona qualità a prezzi ridotti, su diversi siti, come Amazon, se ne trovano sovente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *